PRESENTATA OGGI A VINITALY LA XXX EDIZIONE DELLA RASSEGNA DEGUSTAZIONE NAZIONALE DEI VINI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA DI LEGAMBIENTE

A Vinitaly, l’attesissimo appuntamento di carattere internazionale dedicato alle produzioni vitivinicole, si è tenuta questo pomeriggio la conferenza “PAC 2023/2027 e agricoltura biologica – La filiera vitivinicola apripista dell’agroecologia” , la prima realizzata da Legambiente nell’ambito del progetto CAPSUS – the Common Agricultural Policy toward SUStainability, finanziato dal programma IMCAP dell’Unione Europea . Un incontro organizzato a poche settimane dall’approvazione della legge sul biologico allo scopo di continuare a costruire il dibattito collettivo circa le azioni concrete da mettere in campo sia a livello nazionale che internazionale per fare in modo che la transizione in agricoltura possa trovare piena concretezza già nel breve periodo. Al centro del dibattito le prospettive della Politica agricola europea 2023-2027 e le buone pratiche delle realtà vitivinicole del nostro Paese. Focus della conferenza gli obiettivi del Green Deal europeo e quelli delle strategie Farm to Fork e Biodiversità 2030. Nell’ambito dell’iniziativa è stata presentata anche la XXX edizione della rassegna degustazione nazionale dei vini da agricoltura biologica e biodinamica organizzata dall’associazione ambientalista. Realizzata in collaborazione con il dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali e il corso di laurea in Viticoltura ed enologia dell’Università di Pisa, la rassegna degustazione nazionale – che avrà come vetrina anche Festambiente, la festa nazionale dell’associazione del cigno verde che si terrà dal 3 al 7 agosto a Rispescia (Gr) – ha lo scopo di valorizzare il lavoro delle realtà vitivinicole che della transizione ecologica hanno già fatto una costante e raccontare le qualità organolettiche dei vini che producono. All’iniziativa hanno partecipato, tra gli altri: Angelo Gentili , responsabile agricoltura di Legambiente; Maria Grazia Mammuccini , presidente FederBio; Gianpaolo Vallardi , presidente Commissione agricoltura del Senato. 

“La transizione ecologica – ha dichiarato Angelo Gentili, responsabile agricoltura di Legambiente – passa anche dal settore vitivinicolo. In tale ottica, aver parlato di questa leva strategica per l’intero Paese nell’ambito di Vinitaly è risultato per noi prezioso e importante. La filiera vitivinicola rappresenta la punta più avanzata della sostenibilità ambientale in ambito agricolo e anche questa edizione di Vinitaly, con i numerosissimi vini biologici presenti, lo dimostra ampiamente. Da decenni, con la nostra rassegna lavoriamo per accendere i riflettori sulle realtà vitivinicole bio che hanno scommesso sulla sostenibilità, nella piena e concreta consapevolezza che  per raggiungere gli obiettivi stabiliti dall’Ue con le strategie Farm to fork e Biodiversità 2030 serve un sostegno concreto e stabile alle attività produttive. La trentesima edizione della rassegna degustazione nazionale dei vini da agricoltura biologica e biodinamica – ha proseguito – rappresenta per tutta l’associazione un momento importante attraverso il quale unire la teoria alla pratica, l’azione quotidiana di pressione sui decisori politici che mettiamo in atto per dare impulso ad un modello agroecologico e quella che i produttori ogni giorno portano nelle loro attività. Fare agricoltura biologica nel nostro Paese è strategico per favorire la sostenibilità ecologica di tutta la filiera, dal campo alla tavola. La rassegna degustazione dei vini biologici e biodinamici realizzata da Legambiente ha sempre avuto come obiettivo la ferma volontà di dimostrare che un’agricoltura bio e di qualità, mettendo da parte la corsa alla rese e puntando sulla qualità e la sostenibilità, è già realtà, grazie al coraggio e alla determinazione di donne e uomini che, da Nord a Sud, si adoperano affinché l’intero comparto abbia un impatto positivo sull’ecosistema e, allo stesso tempo, sia più competitivo sul mercato. Valorizzare il loro lavoro e raccontare le qualità organolettiche dei vini che producono è, per noi, allo stesso tempo, motivo di orgoglio e dimostrazione che serve un’azione ancora più incisiva sia da parte dei Governi nazionali che della Comunità europea. Non ci possiamo permettere battute d’arresto. L’impegno per il futuro deve andare in questa direzione.”

Le aziende che intendono partecipare alla rassegna degustazione devono far pervenire per ogni vino partecipante la domanda di partecipazione compilata e firmata nonché nr. 6 bottiglie da 75 cl per ogni vino partecipante entro e non oltre il 25 maggio 2022 presso la segreteria organizzativa di Festambiente, Loc. Enaoli SNC, 58100 – Rispescia (GR) COD.FISC. 92021360539 P.IVA 01071430530. Sul cartone di vino deve essere riportata ben visibile la dicitura: “RASSEGNA VINI BIO 2022’’.

Per informazioni: www.festambiente.it/rassegnadegustazionenazionale  

Dott.ssa Margherita Ambrogetti Damiani

Responsabile ufficio comunicazione – Festambiente Legambiente