Festambiente e concertone del Primo maggio uniti per l’ambiente: la rivoluzione green passa anche dal palco di piazza San Giovanni

L’appuntamento con l’edizione 2019 di Festambiente, il festival nazionale di Legambiente che ogni anno nel mese di agosto si svolge a Rispescia (GR), sta per arrivare. Gli organizzatori fanno sapere che anche quest’anno protagonisti saranno la buona musica e i temi sociali e di attualità che ci vedono tutti i prima linea, ma che non mancheranno anche piccole grandi rivoluzioni che renderanno il festival ancora più al passo con i tempi. Tra le grandi novità di Festambiente 2019 anche la collaborazione con il concertone del Primo maggio di Roma. Proprio Festambiente, infatti, è tra i festival partner dell’evento che, come sempre, verrà trasmesso domani dalle ore 15.00 da piazza San Giovanni in Laterano a Roma su Rai Tre e Radio 2. Quella con il concerto del Primo Maggio rappresenta per Festambiente una grande occasione per fare rete e, attraverso la rete dei festival che collaborano con questo grande evento, dare un nuovo impulso ai percorsi virtuosi volti alla sostenibilità ma anche un’occasione per sensibilizzare partecipanti e spettatori nei confronti delle grandi battaglie ambientali.

Ma le sorprese non finiscono qui: Festambiente e Legambiente al concerto del Primo maggio patrocineranno anche Plastify, un’iniziativa volta a sensibilizzare al riciclo delle plastiche monouso all’interno di festival di grandi dimensioni. Nata nell’ambito del progetto di tesi di un gruppo di studenti del corso di laurea magistrale in Design Sistemico del Politecnico di Torino con la supervisione di Company e la collaborazione di Dischirotti, Il Faro Indie, Le Rane, Sei Tutto L’indie, Talassa e Tutti Giù Parterre, Plastify vedrà protagonisti tutti i visitatori in un divertente gioco in occasione del quale, gettando un tappo in plastica, avranno la possibilità di supportare il proprio artista preferito tra: Ex-Otago, La rappresentante di lista, Coma Cose, Pinguini tattici nucleari, Colapesce & Bianco e Gazzelle. Allo smaltimento dei tappi in plastica ci penserà il circolo romano Legambiente – Mondi possibili. Il messaggio di Festambiente è chiaro: per sensibilizzare i cittadini è necessario passare attraverso eventi di grandi dimensioni capaci di coinvolgere un numero elevato di persone accomunate, come nel caso del festival nazionale dell’associazione ambientalista, dalla passione per la musica. Insomma, Festambiente ha deciso di fare le cose in grande e di operare piccole grandi rivoluzioni per rendere ancora più incisiva l’azione sul territorio e nel Paese.

“Il momento di agire è adesso – dichiara Angelo Gentili, coordinatore  di Festambiente e membro della segreteria nazionale di Legambiente – e per questo motivo è fondamentale che momenti di condivisione come Festambiente e il concerto del Primo maggio dettino il passo anche in merito ai dibattiti sui grandi temi di oggi e di domani. Eventi come questi – continua Gentili – rappresentano momenti importanti di crescita individuale e collettiva per i più giovani ma non solo e proprio per questo motivo le battaglie ambientali per fermare il cambiamento climatico devono passare anche da qua. Il concerto del Primo Maggio porterà ancora una volta sul palco la musica attuale italiana, quella che racconta il presente ed è proiettata verso il futuro, e ospiterà nel backstage gli organizzatori di alcuni tra i più importanti eventi live della Penisola tra cui anche Festambiente. E se fare rete è importante e strategico per il prossimo futuro, farla in chiave green, lavorando affinché i grandi eventi siano sempre più plastic free ed ecologicamente  sostenibili, adottando una serie di accorgimenti che li rendano meno impattanti dal punto di vista ambientale, è una sfida che dobbiamo cogliere al volo tutti insieme, nessuno escluso. L’appuntamento con Festambiente e con il concerto del Primo Maggio è per domani dalle ore 15.00 in piazza San Giovanni a Roma e in diretta su Rai Tre e Radio 2. Vi aspettiamo per costruire insieme un futuro migliore.”