Cerca
Close this search box.

CHERNOBYL, 38 ANNI DOPO: LA TRAGEDIA È ANCORA ATTUALE, SERVE L’AIUTO DI TUTTE E TUTTI

Con il progetto Rugiada, Legambiente dona speranza alle bambine e ai bambini della Bielorussia. Per sostenere l’iniziativa bastano piccole donazioni attraverso il 5×1000 o sostenendo la campagna di crowdfunding promossa dall’associazione.

“Sono passati solo trentotto anni. Il 26 aprile del 1986, un guasto al reattore 4 della centrale nucleare di Chernobyl generò il più grave incidente atomico della storia. Un accadimento tragico che cambiò il corso della storia e di cui abbiamo il dovere di tenere viva la memoria. Le vittime stimate dall’ONU sono state circa quattromila, oltre centodiecimila gli sfollati. Una catastrofe che arrivò addirittura alle porte dell’Europa: le particelle radioattive trasportate dalle masse d’aria scatenarono il panico persino in Italia. Un dramma in cui, oltre al pericolo delle radiazioni, a mietere vittime fu la mancanza di informazioni tempestive nei confronti delle popolazioni coinvolte.” Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente racconta così una tragedia umanitaria ancora attualissima. “Quella di Chernobyl – ha proseguito – è una storia che parla al presente. La quantità di radiazioni rilasciate fu almeno 100 volte in più rispetto a quella delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki. Il fall-out nucleare interessò l’Ucraina, la Russia e per il 70% la Bielorussia, Paese più colpito. A lasciare la zona furono solo 350.000 persone. Gran parte della popolazione colpita rimase nelle zone contaminate, complice l’impossibilità a spostarsi a causa delle difficili condizioni economiche. Un effetto domino che è arrivato ai giorni nostri, avendo generato effetti a lungo termine a carico di ambiente, ecosistemi, flora e fauna.”

La contaminazione del suolo avvenne per mezzo di alcuni elementi radioattivi come lo Stronzio-90 e gli isotopi del Cesio (134 e 137). Una dinamica che ha scatenato l’insorgenza di patologie di varia natura ancora oggi presenti tra le fasce più povere della popolazione.

“Oltre all’abbassamento delle difese immunitarie – ha spiegato Gentili – e all’aumento di numerose patologie legate a una dieta fortemente contaminata da radionuclidi, è stato registrato un fortissimo incremento di casi di tumore alla tiroide che ha colpito soprattutto i più piccoli a causa dello iodio radioattivo fuoriuscito dalla centrale nella prima fase del disastro. A questo si sono aggiunte una serie di gravi patologie di natura psicologica legate alla cosiddetta “sindrome di Chernobyl”. In molte e molti hanno presentato sintomi connessi alla consapevolezza di vivere in un territorio fortemente contaminato e senza futuro per sé e per la propria famiglia.”

Alla luce di un’emergenza niente affatto alle spalle,  Legambiente, sin dal primo momento, si è attivata per sensibilizzare l’opinione pubblica circa l’assurdità della scelta del nucleare e per fornire un supporto concreto alle popolazioni colpite.

“Grazie alla rete di circoli locali e famiglie e a una incredibile gara di solidarietà – ha raccontato Gentili – siamo riusciti ad accogliere oltre venticinquemila tra bambine e bambini provenienti dalle zone più contaminate di Bielorussia, Russia e Ucraina, consentendo loro di effettuare percorsi terapeutici di un mese in Italia. La solidarietà ha poi preso la forma di “Rugiada”, un progetto attraverso il quale viene garantita ospitalità a bambine e bambini in un centro specializzato e totalmente sostenibile, realizzato in un’area priva di radioattività.”

Si tratta del “Centro Speranza” a Vilejka, una struttura in cui le bambine e i bambini trascorrono un soggiorno durante il quale vengono sottoposti a controlli medico-sanitari e a un regime alimentare sano e privo di contaminazioni, attraverso cui è possibile ridurre del 50% la presenza nell’organismo di radionuclidi. Un’iniziativa che ha costantemente bisogno dell’aiuto di tutte e tutti.

“Grazie all’aiuto dei circoli e dei donatori, mai venuto meno nel tempo, e alla collaborazione dei nostri referenti in Bielorussia, il progetto Rugiada – ha chiarito Gentili – continua senza sosta a donare speranza. Un vero e proprio presidio legambientino in Bielorussia, un segnale concreto di solidarietà verso le popolazioni colpite, vittime innocenti del disastro nucleare e oggi alle prese con una crisi economica severa e la guerra in Ucraina alle porte. Per continuare a rendere possibile tutto questo potete effettuare una donazione attraverso il 5×1000, inserendo nell’apposito campo in fase di dichiarazione dei redditi (modello 730, unico o CUD) il codice di Legambiente Festambiente APS 92021360539 (la donazione non ha costi per il contribuente) o sostenendo la nostra campagna di crowdfunding che ha l’obiettivo di garantire un monitoraggio e un kit di vitamine a 40 bambini (www.ideaginger.it/progetti/progetto-rugiada-sostegno-a-distanza-per-i-bambini-di-cernobyl.html).

Per saperne di più sul progetto: www.solidarietalegambiente.it

Condividi

Articoli suggeriti