Progetto imPACt

tl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/Impact2.jpgIl progetto imPACt è una campagna di informazione e comunicazione promossa da Circolo Festambiente sui principi fondamentali della Politica Agricola Comune (PAC) 2014-2020 conformi alle misure di salvaguardia dell’ambiente e agli obiettivi dell’Europa 2020, ovvero la sicurezza alimentare, l’alimentazione di qualità, la salvaguardia delle risorse naturali e la mitigazione del clima.

Il progetto imPACt, che attualmente opera in undici regioni toscane, valorizza l’agricoltura sostenibile di qualità, poiché contribuisce ad importanti servizi ambientali come la prevenzione di frane, dissesti e allagamenti, la difesa idrogeologica, il mantenimento della sostanza organica del terreno e l’assorbimento dell’anidride carbonica nel suolo. Il progetto mira a raggiungere i propri traguardi di difesa della biodiversità, e quindi della fornitura di materie prime e di beni e servizi necessari come il cibo e l’acqua, anche attraverso la riscoperta delle produzioni del territorio italiano, realizzate dai custodi e dagli ambasciatori italiani.

La promozione dell’utilizzo di prodotti biologici contribuisce allo sviluppo di una maggiore consapevolezza nella tl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/Impact1.jpgpopolazione europea e alla valorizzazione degli imprenditori che operano nel rispetto dell’ambiente e della qualità ambientale.

La prossima iniziativa del progetto prevede l’allestimento di un punto informativo imPACt alla Limonaia di Villa Strozzi a Firenze il 14 e il 15 ottobre 2016, dove avverrà la distribuzione di materiale informativo
nell’ambito dei tre giorni dedicati ai Cambiamenti Climatici.

 

 

Maggiori informazioni sul progetto imPACt sono disponibili sul sito http://impact-eu.eu/ e sulla pagina Facebook

 

tl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/Impact.jpg    tl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/Logo-Unione-Europea-2.jpg

Progetto "Life MedWolf"

“LIFE MedWolf - Le migliori pratiche di conservazione del Lupo nelle aree mediterranee (LIFE11 NAT/IT/069)” è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea  atto a mitigare il conflitto tra la presenza dei predatori  e le attività antropiche nelle aree rurali, attraverso la collaborazione di associazioni ambientaliste, associazioni di categoria rappresentanti il mondo agricolo, istituzioni e centri di ricerca italiani e portoghesi.

MedWolf opera infatti in Italia, nella provincia di Grosseto, e in Portogallo, nei distretti di Guarda e di Castelo Branco.

Al fine di prevenire i danni al bestiame, il progetto MedWolf promuove l’utilizzo di due sistemi di difesa. Il primo consiste nell’impiego e nell’addestramento di cani da guardianìa; in Italia la razza di cane impiegata per la salvaguardia del gregge è il Pastore Maremmano-Abruzzese.
Il secondo sistema prevede l’utilizzo di recinzioni, distinte in recinzioni elettrificate, cioè dotate di cavi elettrici a basso voltaggio, recinzioni metalliche caratterizzate da una struttura portante in legno o metallo e una rete che impedisca ai predatori di scavalcare, e recinzioni miste, che implementano entrambe le recinzioni precedenti.

tl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/MedWolf.jpg

Uno dei risultati di maggiore impatto del progetto è la costituzione di difesAttiva, associazione formata da allevatori che utilizzano strumenti di prevenzione, cani da guardiania o recinzioni del progetto Medwolf.

L’associazione nasce con l'intento di valorizzare il lavoro svolto dagli imprenditori agricoli zootecnici che, con grande tenacia e volontà, si impegnano nell'utilizzo di strumenti di prevenzione per la riduzione degli attacchi predatori e la conseguente perdita del proprio patrimonio (http://www.difesattiva.info).

Il progetto, iniziato nel 2012 terminerà ad ottobre 2017.

 

Tutte le informazioni sul progetto MedWolf e sulle sue attività sono reperibili sul sito http://medwolf.eu/ , sulla pagina Facebook del progetto MedWolf e sull'account Twitter

 

tl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/Life.jpeg tl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/logo-medwolf-2.jpgtl_files/redazione/Comunicati-Festambiente/natura2000.jpg